Nicma Informatica

Nicma Informatica

Tragedie come il terremoto in Centro Italia fanno sì che l'attenzione del pubblico si soffermi sulle distruzioni tangibili a palazzi, chiese e altri edifici d'importanza storica e culturale. Perdite inestimabili, ma troppe volte non ci si sofferma sulla perdita di beni immateriali a loro volta di enorme importanza. I dati digitali contenuti all'interno di computer, server e altri dispositivi di memoria fisici, molto spesso vengono persi per sempre con la distruzione del dispositivo che li conteneva. I danni sono senza dubbio meno evidenti rispetto a una parete crollata, ma non per questo sono meno gravi.

Viviamo un periodo in cui l'informazione è sempre più al centro della nostra struttura economica e sociale. Eppure è ancora diffusa la tendenza a non riconoscere il giusto peso giocato dalle informazioni nel nostro vivere, soprattutto quelle in formato digitale. Basterebbe tuttavia pensare come ormai le nostre finanze, i nostri acquisti, la nostra situazione fiscale e persino i nostri dati come cittadini all'interno di uno stato siano ormai contenuti su archivi digitali. In altre parole, tutto ciò che siamo e che facciamo scorre in forma di file, ed essere in grado di proteggere questi beni intangibili ma in ogni caso essenziali è importante tanto quanto costruire edifici in grado di resistere agli urti sismici.

Purtroppo la nostra Pubblica Amministrazione, che ha l'onore, ma soprattutto l'onere, di conservare dati importantissimi, è ben lontana dall'esser preparata in caso di calamità naturale. Eppure basterebbero pochi, banali accorgimenti, per non doversi poi pentire per aver perso informazioni importanti. A cominciare dall'utilizzo della tecnologia in cloud. Sono ancora forti le resistenze e i timori, del tutto infondati, che affidare i propri dati a un provider di servizi in cloud sia in qualche modo rischioso, e che il non poterne disporre fisicamente possa essere problematico ("e se dimentico la password di accesso?"). Sono però avvenimenti gravi e imprevedibili a dimostrare quanto in realtà i supporti fisici in apparenza tanto solidi e affidabili siano vulnerabili e quanto, invece, la rete internet si dimostri molto più resiliente proprio in virtù del suo essere intangibile.

 

 

Dal 5 al 30 Settembre EOLO, l'internet ultra veloce su onde radio partner di NICMA Informatica, propone un piano molto vantaggioso per tutti i nuovi clienti business: Eolo 0 limiti. Scopriamone, nel dettaglio, l'offerta.

Canone mensile scontato a 24,90 euro per i primi sei mesi e infine 34,90 euro per sempre, rispetto al prezzo standard di 39,90. In totale un risparmio, per il primo anno, di 120 euro.

Installazione gratuita

La velocità di banda passa da da 10/1 Mb/s a 30/3 Mb/s illimitati, per sempre e senza variazioni di canone. Installazione è gratuita se si sceglie di pagare in anticipo il canone attuale. Se si opta per il pagamento bimestrale, invece, è previsto un contributo di tre euro al  mese per 24 mesi.

Per conoscere i dettagli di Eolo 0 limiti e scoprire se la vostra zona è coperta dai ripetitori radio EOLO, potete inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure chiamare lo 0245864355.

 

 

 

Venerdì, 02 September 2016 09:59

Account Dropbox violati: cosa fare per tutelarsi

Brutto colpo per Dropbox, uno dei più importanti servizi di cloud storage globali. Pare che siano stati violati 68 milioni di account, più del 10% del mezzo miliardo di profili totali della piattaforma. La compagnia al momento smentisce il furto dei dati d'accesso degli account violati, ma ammette il tentato attacco hacker e consiglia, per "ragioni di sicurezza", agli utenti che hanno creato un profilo Dropbox nel 2012 di cambiare la password. D'altra parte, la rivista di tecnologia Motherboad afferma di esser entrata in possesso di un registro contenente le credenziali. Ancora ignote le possibili cause dietro questo attacco, ma l'ipotesi più accreditata è la rivendita dei dati sensibili nel deep web.

La debacle di Dropbox è l'ennesima prova che nemmeno i colossi del settore sono immuni dagli attacchi informatici. Per poter proteggere i propri dati sensibili occorre tenere una serie di comportamenti apparentemente banali ma in grado, invece, di fare la differenza nel respingere o meno un tentativo d'attacco informatico. Se ciò è molto importante per i profili privati, è a dir poco vitale per le imprese, i cui dati sensibili sono merce assai richiesta per gli hacker.

Ecco dunque qualche consiglio da seguire per proteggere meglio i propri spazi in cloud.

-Cambiare periodicamente la password. Può essere ogni due settimane od ogni mese, di certo non è consigliabile aspettare quattro anni e un grosso attacco informatico prima di decidersi a farlo.

-Seguire le regole fondamentali nella creazione di una buona password. Nessuno chiederebbe al proprio fabbro di farsi fare una serratura troppo facile da aprire. La stessa logica vale per le password. Per quanto possa sembrare comodo collegarsi semplicemente scrivendo il nome del proprio cane, i rischi di violazione aumentano enormemente inserendo riferimenti alla vostra vita personale o lavorativa all'interno della password. Per cui sono sconsigliati anche numeri legati a date di nascita da parte di parenti, amici, compagni e via dicendo. Una password efficace dovrebbe avere sia lettere che cifre, avere un'alternanza tra maiuscole e minuscole, non essere una parola o un concetto di senso compiuto e, infine, avere una ragionevole lunghezza (almeno 8-10) caratteri. Impossibile da ricordarsi al momento? Forse, ma meglio la scocciatura di segnarsela ovunque che vedersi 

-Fare il backup dei dati. Il cloud storage è stato concepito anche per snellire gli archivi, cartacei o virtuali che siano. Tuttavia è sempre consigliabile conservare una copia di backup dei dati indipendentemente se sono su cloud, su pc o su server, così da non rischiare di perderli nel caso qualcosa vada storto col device di riferimento.

Un ultimo, importante, appunto specifico per il mondo dell'impresa. Dropbox ha avuto senza dubbio enormi meriti nella diffusione e nello sviluppo della tecnologia cloud, ma con ogni probabilità un'azienda ha bisogno di un architettura cloud dedicata a cui affidare efficacemente i propri dati sensibili, in grado di rispondere tempestivamente ad eventuali minacce dall'esterno.

Siete tornati dalle vacanze e non appena aperta la mail vi ritrovate con cumuli e cumuli di mail non lette, perlopiù spam. Mentre fate pulizia, vi chiedete se non sia finalmente il caso di gestire la vostra casella di posta in modo più efficiente. Che siano più o meni sinceri i vostri propositi per un buon rientro al lavoro, ecco un paio di dritte per gestire la posta. Non scongiureranno l'accumulo dello spam post vacanziero, ma senz'altro vi saranno utili per aumentare la produttività.


 

1 Fate pulizia delle mail superflue - una volta aperta una mail non importante si tende a non cancellarla lasciandola in archivio. Del resto, che male fa? Queste "innocenti" mail tuttavia si accumulano l'una dopo l'altra come granelli di sabbiia, con il risultato d'intasare lo spazio di memoria a disposizione per la propria casella di posta, rallentando i caricamenti e facendovi perdere tempo.

2 Fate in modo di accedere alla vostra mail ovunque e in qualsiasi momento- a proposito di tempo, sarà sempre stato denaro, ma negli ultimi anni il suo valore di mercato si è apprezzato, e parecchio. Spesso la soglia tra un'affare riuscito e il due di picche corre su di un arco di tempo molto ristretto perciò è buona cosa non far prendere le ragnatele alla nostra casella. Oggi è possibile consultare la mail su qualunque dispositivo mobile e ricevere notifiche sonore che vi avviseranno di ogni messaggio ricevuto. Che si tratti tablet, notebook, smartphone, smartwatch...l'importante e cercare di essere aggiornati sullo stato della vostra mail nel minor tempo possibile (occhio però a non diventarne dipendenti).

3 Create degli archivi di ricerca suddivisi in categorie- a tutti sarà capitato di ricevere una mail da parte di qualcuno che ci scrive come se fossimo vecchi partner d'affari seppure, di lui, non ricordiamo neanche il nome. Per aver sempre le idee chiare e recuperare informazioni utili da mail ormai sepolte nel tempo, strutturare degli archivi può fare la differenza tra una rapida consultazione di qualche secondo o una disperata ricerca di parecchi minuti passati a scrollare ferocemente tra le mail ricevute, con il carico di nervosismo che ne consegue. Ammesso che riuscite a trovarla, la mail che vi serve.

 

 

Arriva Settembre, gli uffici si riempiono e nuove scadenze fiscali incombono. Diamo dunque un'occhiata a quelle da segnare assolutamente sul calendario e far ripartire il lavoro in tranquillità.


  • 15 Settembre - Termine ultimo della proroga per la presentazione del modello 770

    • Cos'è? Ne avevamo già parlato in occasione delle scadenze fiscali di Agosto. Dopo la "Proroga di Ferragosto", il Governo ha ulteriormente posticipato la scadenza al 15 Settembre e, questa volta, la data è definitiva. Il modello 770 sostituisce la dichiarazione dei redditi e riguarda tutti i redditi da lavoro dipendente.

    • A chi è rivolto? Il modello 770 dev'essere presentato dai sostituti d'imposta, chiamato a regolare i rapporti con il fisco per conto del proprio dipendente, per cui qualunque attività economica con del personale alle proprie dipendenze è tenuta a versarlo.


  • 16 Settembre - Modello Unico Società di Persone, versamento rate

    • Cos'è? si tratta di un modello per la dichiarazione dei redditi per una buona parte delle società semplici (qui la lista completa), il cui pagamento è suddiviso in rate la cui scadenza dipende dalla facoltà di poter usufruire o meno dalla proroga.

    • A chi è rivolto? Per le imprese che beneficiano della proroga, le rate interessate sono la quarta e la terza, con maggiorazione, per chi è in ritardo. Per le imprese che non beneficiano della proroga la data regolare è sempre la quarta mentre la rata che si può ancora pagare, con conseguente maggiorazione, è la seconda. 


  • 20 Settembre - Comunicazioni per operazioni nei paesi "Black List" per importi superiori ai diecimila euro
    • Cos'è? si tratta di una comunicazione annuale al fisco che le imprese che operano in paesi dalla fiscalità particolarmente favorevole o con una legislazione in materia tributaria non del tutto trasparente.

    • A chi è rivolto? tutte le imprese che hanno maturato in uno dei paesi della black list un reddito passivo imponibile ai fini IVA superiore a diecimila euro. La lista cambia di anno in anno a seguito di accordi e trattative condotte dall'Italia a livello globale. Qui sotto la lista di paesi in black list per il 2016. Attenzione! Alcuni paesi in black list, quali Bahrein, Monaco e Svizzera, presentano delle deroghe dovute a condizioni particolari.

      Andorra, Angola, Antigua, Bahamas, Bahrein, Barbados, Barbuda, Brunei, Dominica, Ecuador, Giamaica, Gibuti, Grenada, Guatemala, Hong Kong, Isole Cook, Isole Marshall, Isole Vergini statunitensi, Kenia, Kiribati, Libano, Liberia, Liechtenstein, Macao, Maldive, Monaco, Nauru, Niue, Nuova Caledonia, Oman, Panama, Polinesia francese, Puerto Rico, Saint Kitts e Nevis, Salomone, Samoa, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Sant'Elena, Sark (Isole del Canale), Seychelles, Svizzera, Tonga,
      Tuvalu, Uruguay, Vanuatu


  • 25 Settembre – Presentazione Elenchi mensili INTRAST con IVA comunitaria

    • Cos’è? Si tratta di un’imposta che riguarda tutti coloro in possesso di partita IVA comunitaria e che compiono operazioni di scambio su beni mobili all'interno dell'Unione Europea.

    • A chi è rivolto? Questa volta l’appuntamento interessa solo le imprese che hanno optato per il regime mensile.

Quando si pensa al business ad Agosto in Italia si immagina la città completamente svuotata con tanto di balle di fieno che rotolano tra le vie mentre tutti, ma proprio tutti, sono a godersi il meritato riposo al mare o in montagna.

L'ultima ricerca di Hays, società specializzata nel recruting per il Management, sembra tuttavia dipingere un paese che modifica estate dopo estate le proprie abitudini, grazie soprattutto alle possibilità offerte dalle nuove tecnologie. A dispetto del luogo comune che vuole Agosto come mese delle saracinesche abbassate per la quasi totalità delle imprese, in Italia il 97% dei dirigenti svolge una qualche attività lavorativa dal luogo di vacanza. La chiave dietro a questa piccola rivoluzione? Lo smartphone, il quale consente non solo di controllare la posta aziendale, ma offre una gamma sempre più ampia d'azioni: ad esempio controllare alcune pratiche, redigere documenti e persino gestire la propria forza vendita da sotto l'ombrellone.

Lo smartphone sta diventando sempre più paragonabile a un piccolo desktop d'ufficio portatile, al punto che per i dirigenti è, di gran lunga, l'oggetto di lavoro di cui non possono fare a meno (il 46% secondo Hays, contro il 25% e il 18% di agenda e orologio). Senza dubbio le possibilità offerte dai mobile device stanno delineando un business nostrano sempre più votato allo smart working, in cui punti cardini di un tempo quali le otto ore per cinque giorni settimanali o le due/tre settimane di chiusura totale dell'attività ad Agosto cominciando ad essere messi in discussione.

Mercoledì, 24 August 2016 16:47

Avviare un'azienda in Italia costa 50.000 euro

Secondo il Global Entrepreneurship Monitor, il costo medio per dar vita a un'attività economica nel nostro paese ammonta a circa 50.000 euro. Con 37.000 euro in più di spesa rispetto alla media globale, il nostro paese si dimostra dunque come tra i più cari per i potenziali imprenditori.

Da notare che fino a dieci anni prima la media mondiale era di circa 57.000 euro, in linea con quella italiana attuale, mentre oggi è crollata a circa 11.000. Le ragioni dietro a questo notevole calo nei costi sono fattori quali le nuove tecnologie, un'allargamento delle possibilità di accesso a formule di finanziamento.

Una piccola rivoluzione che in Italia non sembra essere ancora giunta. Emerge, inoltre, un ulteriore dato allarmante per la nostra economia. Se il 95% dei nuovi imprenditori nel Mondo riesce a raccogliere da sé i fondi necessari all'avviamento dell'impresa, in Italia questa percentuale è solo del 70%, mentre per il restante 30 è la famiglia, solitamente i genitori, a provvedere alle spese d'avviamento. Colpa, soprattutto, di una maggiore difficoltà di accesso al credito da parte di banche e operatori finanziari in Italia rispetto al resto del Mondo.  

Giovedì, 04 August 2016 16:36

Nicma va in vacanza!

Avvisiamo i nostri gentili clienti che saremo chiusi per le ferie estive da Lunedì 15 Agosto a Domenica 21 Agosto. Buone vacanze a tutti!

Martedì, 02 August 2016 16:02

I Webinar NICMA di Settembre

Di Webinar abbiamo già avuto modo di parlarne nel blog con una breve spiegazione sulla loro natura per tutti coloro che ne fossero ancora ignari. Questa volta invece passeremo direttamente dell'offerta webinar NICMA Informatica per il mese di Settembre

Torna il format "Orizzonte Impresa", che abbiamo già avuto il piacere di ospitare durante il mese di Luglio. In questa nuova puntata del format dedicato alle sfide future che le aziende dovranno affrontare parleremo, questa volta di produzione. Il relatore, Francesco Calì, ci racconterà di novità quali la "Fabbrica Smart" e lo "Smart Manufacturing". Questi due concetti racchiudono tutta quelle serie di importanti innovazioni nell'attività produttiva dovute alla digitalizzazione la cui portata ha fatto sì che alcuni commentatori attualmente parlino di una "Quarta Rivoluzione Industriale" in corso.

Il webinar si suddivide in due appuntamenti, entrambi completamente gratuiti. La prima puntata, dedicata alla competitività delle aziende produttive in ambito digitale, si terrà Mercoledì 7 Settembre alle ore 10. La seconda invece, incentrata sulla gestione delle nuove tipologie di cicli produttivi, si terrà Martedì 20 Settembre sempre alle ore 10. Per iscriversi, è sufficiente cliccare al seguente link e compilare il form.

Per la fine del mese invece parleremo di HR, e nella fattispecie delle soluzioni TeamSystem pensate per organizzare in maniera efficiente ed efficace la propria forza lavoro in relazioni ai grandi cambiamenti nel modo di concepire il lavoro portati dalle nuove tecnologie. L'appuntamento per questo webinar, anch'esso completamente gratuito, è fissato per Giovedì 20 Settembre alle ore 10. Se interessati cliccare questo link e compilare il form presente nella pagina.

Le pubbliche amministrazioni hanno avuto 18 mesi di tempo per prepararsi, dopo l'entrata in vigore del Decreto Ministeriale sulla digitalizzazione della burocrazia l'11 Febbraio 2015. Ora il tempo è praticamente scaduto: dal 12 Agosto ogni ufficio della Pubblica Amministrazione sarà tenuto a redigere i propri documenti in formato esclusivamente elettronico. La rinuncia alla carta avrà oltretutto effetto retroattivo: il Decreto impone infatti la digitalizzazione di tutti gli archivi già esistenti.

Un'operazione mastodontica, che sicuramente non avrà termine con l'arrivo del 12 Agosto. Tuttavia, il risparmio in termini di carta e, soprattutto, soldi, è a dir poco enorme. Le stime attuali infatti indicano che il passaggio dalla carta al file porterà, al bilancio italiano, un risparmio di circa 3 miliardi di euro l'anno.

Pagina 4 di 7