Le principali scadenze fiscali di Marzo 2017
Le principali scadenze fiscali di Marzo 2017

Torniamo con l'appuntamento mensile dedicato alle più importanti scadenze fiscali del mese. Marzo si presenta ricco di appuntamenti, sopratutto verso la sua conclusione, con due decisioni molto importanti che le imprese dovranno compiere entro il 31. Ma andiamo nel dettaglio

 


  

  • -15 Marzo – Emissione e registrazione fatture differite relative a transazioni commerciali avvenute nel corso del mese solare precedente.

    • --->Di cosa si tratta? Un appuntamento mensile ricorrente quello che vede la dichiarazione dei dati di fatturazione in differita ai fini di calcolo dell'IVA

    • --->A chi è rivolta? Tutte le imprese che hanno consegnato o spedito beni durante il mese di Febbraio Attenzione a riportare la data a cui fa riferimento il documento.

  • -16 Marzo – Versamento ritenute IRPEF, contributi previdenziali per il sostituto d’imposta. Versamento IVA mensile e Trimestrale. Versamento Tobin Tax

    • --->Cosa sono? Si tratta del consueto appuntamento mensile per IVA e per i contributi INPS dei dipendenti versati dall'impresa con conseguente trattenuta sulla busta pagaLa "Tobin Tax" è invece l'imposta applicata sulle transazioni finanziarie

    • --->Chi le deve pagare? Per i contributi previdenziali, chiunque svolga opera di sostituto d’imposta, per l’IVA tutte le attività economiche. Per la Tobin Tax, chiunque abbia effettuato transazioni finanziarie.

  • -27 Marzo – Presentazione Elenchi mensili e trimestrali INTRASTAT con IVA comunitaria

    • --->Cosa sono? Si tratta di un’imposta che riguarda tutti coloro in possesso di partita IVA comunitaria e che compiono operazioni di scambio su beni mobili all'interno dell'Unione Europea.
       
    • --->A chi sono rivolti? Questa volta l’appuntamento interessa solo le imprese che hanno optato per il regime mensile.

 

  • -31 Marzo – Rottamazione delle cartelle esattoriali Equitalia

    • --->Cos'è? In vista della definitiva liquidazione di Equitalia, si tratta di un'opzione che consente di pagare i debiti accumulati verso l'Ente senza aggiungere gli interessi e le sanzioni.

    • --->A chi è rivolta? Tutti i soggetti che hanno riscontrato un debito preso in carico da Equitalia dal 2000 al 2015.

  • -31 Marzo – Esercizio dell'opzione per l'invio e ricezione delle fatture tra privati in formato elettronico

    • --->Cos'è? Dopo mesi di discussioni, rilevazioni e scenari finalmente la fatturazione elettronica B2B entra nel vivo anche in Italia. Grazie alla proroga voluta dal governo le imprese hanno ancora tempo fino al 31 Marzo per esercitare quest'opzione per i prossimi cinque anni, godendo di diversi vantaggi di natura fiscale.

    • --->A chi è rivolta? Tutte le imprese che intendono dare inizio a un percorso di digitalizzazione delle proprie fatture.  Non è necessario essere già attrezzati per il 31 di Marzo per inviare e ricevere fatture in XML e il processo può avviato in un momento successivo a quello della scelta (a patto, naturalmente, di comunicare i dati delle fatture non digitali emesse e ricevute con il primo Spesometro del 2017).
      Per ulteriori informazioni vi rimandiamo rimandiamo al webinar sulla normativa previsto per Venerdì 17 Marzo alle ore 10.

Published in Blog
IVA 2017, che cosa cambia?
IVA 2017, che cosa cambia?

Sebbene siamo un'azienda di consulenza ICT, siamo consapevoli quanto la fiscalità costituisca un punto critico per le aziende, le cui dinamiche, a causa del processo di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, si avvicinano sempre più alla nostra realtà specifica. Per questa ragione abbiamo il piacere di dare il nostro piccolo contributo dedicando una rubrica mensile sulle principali scadenze fiscali per le imprese.

Questa volta torniamo a parlare di fisco in virtù di alcune modifiche molto importanti che interessano la dichiarazione dei dati ai fini di calcolo dell'IVA. Modifiche che hanno portato a un moltiplicarsi delle date di cui tenere conto durante l'anno, sollevando diverse polemiche da parte dei professionisti su queste misure le quali, a detta loro, vanno esattamente all'opposto rispetto a quel processo di semplificazione fiscale a cui da anni i vari governi dichiarano di appellarsi.

Ma andiamo per ordine, il primo grande cambiamento previsto dal 2017 interessa la comunicazione dei clienti e dei fornitori ai fini d'imponibile IVA. Questa procedura, nota come "spesometro", non avrà più scadenza annuale ma trimestrale. Quest'anno dunque alla dichiarazione per il 2016 prevista per Febbraio seguiranno quelle per il 2017 ogni tre mesi, con un'eccezione: la prima scadenza del nuovo spesometro sarà semestrale e cadrà nel mese di Luglio.

Un'altra grande novità introdotta a partire da quest'anno è una nuova dichiarazione sui dati utili per la liquidazione dell'IVA. Anche questa avrà natura trimestrale e dovrà essere inviata esclusivamente in via telematica.

Per rendervi un po' più chiara la situazione, ecco una tabella riassuntiva degli impegni di comunicazione dati per l'IVA di quest'anno.

 

SCADENZA ADEMPIMENTO
28 Febbraio 2017 Dichiarazione Annuale IVA 2016
10 Aprile 2017 Spesometro 2016 contribuenti IVA mensile
20 Aprile 2017 Spesometro 2016 contribuenti IVA trimestrale
31 Maggio 2017 Comunicazione liquidazioni IVA I trimestre 2017
25 Luglio 2017 1° spesometro 2017. Comunicazione fatture emesse e ricevute I semestre 2017
18 Settembre 2017 Comunicazione liquidazioni IVA II trimestre 2017
30 Novembre 2017 Comunicazione liquidazioni IVA III trimestre 2017
2° spesometro 2017. Comunicazione fatture emesse e ricevute II semestre 2017
28 Febbraio 2018 Comunicazione liquidazioni IVA IV trimestre 2017
3° spesometro 2017. Comunicazione fatture emesse e ricevute III semestre 2017
30 Aprile 2018 Dichiarazione Annuale IVA 2017

 Si preannuncia dunque un anno ancor più ricco di scadenze fiscali da onorare. Tuttavia esiste un modo per semplificare parzialmente queste procedure, con il conseguente risparmio in tempo e impegno. Dal 2017 sono infatti partiti gli incentivi fiscali previsti per le aziende che adotteranno la fatturazione elettronica tra privati. Tra questi vantaggi rientra anche l'esclusione dallo spesometro 2017

Giovedì 26 Gennaio, a Milano, TeamSystem, in collaborazione con il Politecnico di Milano e Osservatori.net, presenterà in esclusiva una piattaforma pensata per attrezzare le imprese a questo nuovo regime di fatturazione, dando quindi la possibilità di godere degli incentivi. L'evento è gratuito, ma i posti a disposizione sono limitati.

Per saperne di più e iscriversi

Published in Blog
Le principali scadenze fiscali di Gennaio 2017
Le principali scadenze fiscali di Gennaio 2017

Un nuovo anno ha inizio, e le novità dal punto di vista fiscale saranno numerose. Nel frattempo, già da Gennaio, ci sono diverse scadenze molto importanti d'appuntare nel calendario.


 

  • -16 Gennaio – Versamento Tobin Tax

    • --->Cos'è? Si tratta dell'imposta prevista laddove si eseguano transazioni finanziare

    •  --->A chi è rivolta? Operatori privati e aziende che hanno effettuato operazioni di natura finanziaria senza l'ausilio di intermediari e notai

  • -16 Gennaio – Versamento ritenute IRPEF, contributi previdenziali per il sostituto d’imposta. Versamento IVA mensile e Trimestrale.

    • --->Cosa sono? Si tratta del consueto appuntamento mensile per IVA e per i contributi INPS dei dipendenti versati dall'impresa con conseguente trattenuta sulla busta paga.

    • --->Chi le deve pagare? Per i contributi previdenziali, chiunque svolga opera di sostituto d’imposta, per l’IVA tutte le attività economiche.

  • -20 Gennaio – Comunicazione telematica all'Anagrafe Tributaria delle operazioni di verifica periodica degli apparecchi misuratori fiscali effettuate nel trimestre solare precedente.

    • --->Cos'è? Trasmissione dei dati identificativi delle operazioni di verificazione periodica effettuate nel trimestre solare precedente
    • --->A chi è rivolta? Fabbricanti di misuratori fiscali e laboratori di verificazione periodica abilitati 

  • 20 Gennaio – Trasmissione operazioni effettuate durante il trimestre precedente per il regime IVA Moss

    • --->Cos'è? Si tratta di una comunicazione obbligatoria dei movimenti soggetti ad IVA passiva relativa all'ultimo trimestre, prevista anche se nel corso del trimestre stesso non sono state fatte operazioni.

    • --->A chi è rivolta? A tutti gli operatori economici passivi con sede o residenti al di fuori del territorio dell'Unione Europea che effettuano servizi di telecomunicazione verso soggetti residenti all'interno dell'Unione Europea e che optano per il regime speciale previsto dall'art.74 quinquies del D.P.R. n. 633/1972

  • -25 Gennaio – Presentazione Elenchi mensili e trimestrali INTRASTAT con IVA comunitaria

    • --->Cosa sono? Si tratta di un’imposta che riguarda tutti coloro in possesso di partita IVA comunitaria e che compiono operazioni di scambio su beni mobili all'interno dell'Unione Europea.
       
    • --->A chi sono rivolti? Questa volta l’appuntamento interessa sia le imprese che hanno optato per il regime mensile, sia quelle che hanno scelto il regime trimestrale (Ottobre, Novembre e Dicembre).

 

  • -26 Gennaio – Ravvedimento versamento acconto IVA

    • --->Cos'è? Si tratta dell'ultimo giorno utile per la regolarizzazione del versamento dell'acconto IVA relativo all'anno 2016 non effettuato (o effettuato in misura insufficiente) entro il 27 dicembre 2016 (ravvedimento), con la maggiorazione degli interessi legali e della sanzione ridotta a un decimo del minimo (ravvedimento breve)

    • --->A chi è rivolto? Contribuenti IVA soggetti agli obblighi di liquidazione e versamento sia mensili che trimestrali che non hanno ancora versato l'acconto con scadenza decorsa il 27 Dicembre del 2016.

Published in Blog
Le principali scadenze fiscali di Dicembre 2016
Le principali scadenze fiscali di Dicembre 2016

Dicembre è un altro mese ricco di scadenze molto importanti da appuntare in calendario: scopriamo insieme le più importanti.


    • -14 Dicembre – Regolarizzazione dichiarazione tardiva sostituti d'imposta modello 770.

      • --->Di che si tratta? Il 14 di Dicembre sarà l'ultimo giorno utile per la presentazione tardiva da parte dei sostituti d'imposta per i redditi dell'anno 2015.

      •  --->A chi è rivolto? A tutti i sostituti d'imposta (imprese, intermediari, ecc.) in ritardo nel pagamento dei redditi imponibili verso cui fanno da tramite. Oltre agli importi a debito occorre versare, mediante modello F24, l'importo previsto dalla sanzione ridotta solo in via telematica e mediante servizi telematici ENTRATEL o FISCONLINE.
         
    • -14 Dicembre – Termine per la registrazione delle fatture comunitarie registrate ricevute nel mese precedente.

      • --->Cosa sono? L’IVA Intra UE è stata regolata dalla Risoluzione n.21/E/2015 armonizza la gestione delle varie imposte IVA presenti nei paesi dell’Unione Europea. In particolar modo è importante ricordare come per i soggetti esteri passivi che operano in territorio italiano abbiano l’obbligo di riportare anche emettere fattura indicando anche il numero identificativo attribuitogli nel paese di origine.

      •  --->A chi è rivolto? A tutti gli operatori economici, attivi e passivi, che hanno operato all’interno dell’Unione Europea, con particolare attenzione per le aziende europee estere che operano all’interno del paese.

    • -15 Dicembre – Termine per la presentazione delle fatture differite

      • --->Cosa sono? Sono le fatture relative a beni consegnati e spediti durante il mese precedente. Vengono utilizzate per semplificare i rapporti contabili con un cliente, in quanto consentono di racchiudere in un solo documento tutte le operazioni di ciclo passivo alla fine del mese solare.

      •  --->A chi è rivolto? Alle imprese che hanno deciso di optare per questo regime di fatturazione rispetto a quello classico con imprese hanno facoltà di scegliere tra il regime di fatturazione differito rispetto a quello classico.

    • -16 Dicembre – Saldo IMU e TASI

      • --->Cosa sono? Sono le imposte previste per il possesso di immobili fatta eccezione le abitazioni adibite a residenza non di lusso.

      •  --->A chi sono rivolte? L'ammontare delle aliquote varia da comune a comune e può variare di anno in anno. Per non trovarsi impreparati è buona cosa dunque controllare sul sito del comuni in cui è situato l'immobile o contattare gli uffici predisposti.

 

  • -16 Dicembre – Versamento ritenute IRPEF, contributi previdenziali per il sostituto d’imposta. Versamento IVA mensile e Trimestrale.

    • --->Cosa sono? Si tratta del consueto appuntamento mensile per IVA e per i contributi INPS dei dipendenti versati dall'impresa con conseguente trattenuta sulla busta paga.

    • --->Chi li deve pagare? Per i contributi previdenziali, chiunque svolga opera di sostituto d’imposta, per l’IVA tutte le attività economiche.

  • -27 Dicembre – Presentazione Elenchi mensili INTRASTAT con IVA comunitaria

    • --->Cosa sono? Si tratta di un’imposta che riguarda tutti coloro in possesso di partita IVA comunitaria e che compiono operazioni di scambio su beni mobili all'interno dell'Unione Europea. 
    • --->A chi sono rivolti? Questa volta l’appuntamento interessa solo le imprese che hanno optato per il regime mensile.

 

  • -27 Dicembre – versamento acconto IVA

    • --->Cos'è? l'acconto IVA varia alla modalità di calcolo dall'aliquota scelta dall'azienda. Questa scadenza riguarda sia chi adopera il regime mensile, sia chi ha opta per il regime trimestrali.

    • --->Attenzione al calcolo! Esistono tre metodi per calcolare l'acconto. Il metodo storico, che misura l'88% del versamento effettuato in base al corrispettivo versato l'anno precedente. Il metodo previsionale, sulla base delle stime effettuate sulle operazione effettuate durante gli ultimi mesi del 2016. Infine abbiamo il metodo analitico, che consente il calcolo dell'aliquota IVA dalle operazioni effettuate durante le prime settimane del mese di Dicembre.

Published in Blog
Le principali scadenze fiscali di Ottobre 2016
Le principali scadenze fiscali di Ottobre 2016

Con Ottobre cadono le foglie e i rami, a differenza delle tasse, che non decadono mai, soprattutto in Italia dove abbiamo sì da pagare per la Guerra in Libia, ma quella del 1912. Eccoci dunque con il nostro consueto appuntamento sulle scadenze fiscali del mese da ricordare


  • -15 Ottobre – Termine per la registrazione delle fatture comunitarie registrate ricevute nel mese precedente

    • --->Cosa sono? L’IVA Intra UE è stata regolata dalla Risoluzione n.21/E/2015 armonizza la gestione delle varie imposte IVA presenti nei paesi dell’Unione Europea. In particolar modo è importante ricordare come per i soggetti esteri passivi che operano in territorio italiano abbiano l’obbligo di riportare anche emettere fattura indicando anche il numero identificativo attribuitogli nel paese di origine

    •  --->A chi è rivolto? A tutti gli operatori economici, attivi e passivi, che hanno operato all’interno dell’Unione Europea, con particolare attenzione per le aziende europee estere che operano all’interno del paese
  • -17 Ottobre – Versamento ritenute IRPEF, contributi previdenziali per il sostituto d’imposta. Versamento IVA mensile.

    • --->Cosa sono? Si tratta del consueto appuntamento mensile per IVA e per i contributi INPS dei dipendenti versati dall’impresa con conseguente trattenuta sulla busta paga. 


    • --->Chi la deve pagare? Per i contributi previdenziali, chiunque svolga opera di sostituto d’imposta, per l’IVA tutte le attività economiche.

  • -25 Ottobre – Presentazione Elenchi mensili INTRAST con IVA  comunitaria

    • --->Cos’è? Si tratta di un’imposta che riguarda tutti coloro in possesso di partita IVA comunitaria e che compiono operazioni di scambio su beni mobili all'interno dell'Unione Europea.
    • --->A chi è rivolto? Questa volta l’appuntamento interessa solo le imprese che hanno optato per il regime mensile.

  • -31 Ottobre – Comunicazione beni d’impresa concessi in godimento a soci e a famigliari

    • --->Cos'è? si tratta di una comunicazione annuale che le imprese devono fare all’Agenzia delle Entrate laddove concedano il godimento di un bene aziendale a un membro della famiglia a un socio, specificandone l’anagrafica


    • --->A chi è rivolto? Alle imprese che intendono far godere a uno dei soggetti indicati dalla normativa il godimento di un bene dell’impresa. Ci sono tuttavia, alcune eccezioni, quali i beni concessi in godimento agli amministratori o i beni concessi al socio dipendente.

  • -31 Ottobre – Comunicazione anagrafiche dei soci e dei famigliari che concedono finanziamenti alle imprese

    • --->Cos'è? Sostanzialmente il rovescio della medaglia della normativa sull’obbligo di comunicazione della concessione beni a soci e famigliari. In questo caso, l’impresa è tenuta a comunicare all’Agenzia dell’Entrate i dati anagrafici relativi a soci e famigliari che hanno concesso finanziamenti all’impresa

    • --->A chi è rivolto? Alle imprese che stanno beneficiando di un finanziamento da parte di un socio o di un famigliare dei soci. Naturalmente se questi dati sono già disponibili, per esempio se il finanziamento è regolato da un contratto con scrittura privata autenticata, tale obbligo non è in vigore.

Published in Blog
Le principali scadenze fiscali di Settembre 2016
Le principali scadenze fiscali di Settembre 2016

Arriva Settembre, gli uffici si riempiono e nuove scadenze fiscali incombono. Diamo dunque un'occhiata a quelle da segnare assolutamente sul calendario e far ripartire il lavoro in tranquillità.


  • 15 Settembre - Termine ultimo della proroga per la presentazione del modello 770

    • Cos'è? Ne avevamo già parlato in occasione delle scadenze fiscali di Agosto. Dopo la "Proroga di Ferragosto", il Governo ha ulteriormente posticipato la scadenza al 15 Settembre e, questa volta, la data è definitiva. Il modello 770 sostituisce la dichiarazione dei redditi e riguarda tutti i redditi da lavoro dipendente.

    • A chi è rivolto? Il modello 770 dev'essere presentato dai sostituti d'imposta, chiamato a regolare i rapporti con il fisco per conto del proprio dipendente, per cui qualunque attività economica con del personale alle proprie dipendenze è tenuta a versarlo.


  • 16 Settembre - Modello Unico Società di Persone, versamento rate

    • Cos'è? si tratta di un modello per la dichiarazione dei redditi per una buona parte delle società semplici (qui la lista completa), il cui pagamento è suddiviso in rate la cui scadenza dipende dalla facoltà di poter usufruire o meno dalla proroga.

    • A chi è rivolto? Per le imprese che beneficiano della proroga, le rate interessate sono la quarta e la terza, con maggiorazione, per chi è in ritardo. Per le imprese che non beneficiano della proroga la data regolare è sempre la quarta mentre la rata che si può ancora pagare, con conseguente maggiorazione, è la seconda. 


  • 20 Settembre - Comunicazioni per operazioni nei paesi "Black List" per importi superiori ai diecimila euro
    • Cos'è? si tratta di una comunicazione annuale al fisco che le imprese che operano in paesi dalla fiscalità particolarmente favorevole o con una legislazione in materia tributaria non del tutto trasparente.

    • A chi è rivolto? tutte le imprese che hanno maturato in uno dei paesi della black list un reddito passivo imponibile ai fini IVA superiore a diecimila euro. La lista cambia di anno in anno a seguito di accordi e trattative condotte dall'Italia a livello globale. Qui sotto la lista di paesi in black list per il 2016. Attenzione! Alcuni paesi in black list, quali Bahrein, Monaco e Svizzera, presentano delle deroghe dovute a condizioni particolari.

      Andorra, Angola, Antigua, Bahamas, Bahrein, Barbados, Barbuda, Brunei, Dominica, Ecuador, Giamaica, Gibuti, Grenada, Guatemala, Hong Kong, Isole Cook, Isole Marshall, Isole Vergini statunitensi, Kenia, Kiribati, Libano, Liberia, Liechtenstein, Macao, Maldive, Monaco, Nauru, Niue, Nuova Caledonia, Oman, Panama, Polinesia francese, Puerto Rico, Saint Kitts e Nevis, Salomone, Samoa, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Sant'Elena, Sark (Isole del Canale), Seychelles, Svizzera, Tonga,
      Tuvalu, Uruguay, Vanuatu


  • 25 Settembre – Presentazione Elenchi mensili INTRAST con IVA comunitaria

    • Cos’è? Si tratta di un’imposta che riguarda tutti coloro in possesso di partita IVA comunitaria e che compiono operazioni di scambio su beni mobili all'interno dell'Unione Europea.

    • A chi è rivolto? Questa volta l’appuntamento interessa solo le imprese che hanno optato per il regime mensile.

Published in Blog
Le principali scadenze fiscali di Agosto 2016
Le principali scadenze fiscali di Agosto 2016

Seconda puntata del nostro mensile sulle più importanti scadenze fiscali che incombono sul mese che sta per arrivare. Questa volta è il turno di Agosto e sarà bene appuntarle in calendario per poter godersi il sole sotto l'ombrellone senza patemi di sorta.


 

  ·      1 Agosto - Istanza di rimborso IVA infrannuale per il secondo trimestre

o    Cos'è? si tratta dell'ultimo giorno per poter richiedere la restituzione del credito d'imposta eccedente durante il trimestre precedente. 

o    A chi spetta? a tutte le attività economiche che vantano un credito IVA verso il fisco superiore a 2582,28 euro.

 

·         20/22 Agosto – Proroga di Ferragosto per adempimenti fiscali modello F24

 

o    Cos’è? Con l’arrivo della settimana di Ferragosto e la conseguente chiusura degli uffici è prevista dal 2012 la possibilità di poter pagare le scadenze relative al modello F24 che intercorrono dal 1 al 20 Agosto entro quest’ultimo giorno senza dover pagare alcuna maggiorazione sul ritardo. Tuttavia, poiché il 20 di Agosto cade di Sabato, la scadenza effettiva è spostata ulteriormente a Lunedì 22 Agosto.

o    Chi la deve pagare? Il modello F24 è valido per i principali oneri fiscali a cui è soggetta l’impresa, perciò la proroga riguarda pressoché tutti.

 

·         22 Agosto – Versamento ritenute IRPEF, contributi previdenziali per il sostituto d’imposta. Versamento IVA mensile e trimestrale per il secondo trimestre

 

o    Cosa sono? Si tratta del consueto appuntamento mensile per IVA e per i contributi INPS dei dipendenti versati dall’impresa con conseguente trattenuta sulla busta paga. Per chi invece ha scelto un regime di pagamento dell’IVA mensile si tratta di saldare l’importo relativo al secondo trimestre dell’anno in corso.

o    Chi la deve pagare? Per i contributi previdenziali, chiunque svolga opera di sostituto d’imposta, per l’IVA tutte le attività economiche.

 

·         25 Agosto – Presentazione Elenchi mensili e trimestrali INTRAST con IVA comunitaria

 

o    Cos’è? Un'imposta che riguarda tutti coloro in possesso di partita IVA comunitaria che abbiano effettuato operazioni di scambio su beni mobili all'interno della comunità europea nell'ultimo trimestre.

o    Come la si deve presentare? Per chi ha scelto il regime a cadenza mensile dovrà presentare i riepilogativi di Giugno, mentre per chi ha optato per quello trimestrale dovrà tener conto di tutte le operazioni compiute nel secondo trimestre 2016. 

 

ATTENZIONE: Per il modello 770, già prorogato da Luglio al 1 di Agosto (ma che verrebbe comunque rimbalzata al 22 Agosto per le stesse ragioni del modello F24), è stata annunciata un'ulteriore proroga al 15 di Settembre

 

 

Published in Blog