photo blog
Le principali scadenze fiscali di Ottobre 2016

Con Ottobre cadono le foglie e i rami, a differenza delle tasse, che non decadono mai, soprattutto in Italia dove abbiamo sì da pagare per la Guerra in Libia, ma quella del 1912. Eccoci dunque con il nostro consueto appuntamento sulle scadenze fiscali del mese da ricordare


  • -15 Ottobre – Termine per la registrazione delle fatture comunitarie registrate ricevute nel mese precedente

    • --->Cosa sono? L’IVA Intra UE è stata regolata dalla Risoluzione n.21/E/2015 armonizza la gestione delle varie imposte IVA presenti nei paesi dell’Unione Europea. In particolar modo è importante ricordare come per i soggetti esteri passivi che operano in territorio italiano abbiano l’obbligo di riportare anche emettere fattura indicando anche il numero identificativo attribuitogli nel paese di origine

    •  --->A chi è rivolto? A tutti gli operatori economici, attivi e passivi, che hanno operato all’interno dell’Unione Europea, con particolare attenzione per le aziende europee estere che operano all’interno del paese
  • -17 Ottobre – Versamento ritenute IRPEF, contributi previdenziali per il sostituto d’imposta. Versamento IVA mensile.

    • --->Cosa sono? Si tratta del consueto appuntamento mensile per IVA e per i contributi INPS dei dipendenti versati dall’impresa con conseguente trattenuta sulla busta paga. 


    • --->Chi la deve pagare? Per i contributi previdenziali, chiunque svolga opera di sostituto d’imposta, per l’IVA tutte le attività economiche.

  • -25 Ottobre – Presentazione Elenchi mensili INTRAST con IVA  comunitaria

    • --->Cos’è? Si tratta di un’imposta che riguarda tutti coloro in possesso di partita IVA comunitaria e che compiono operazioni di scambio su beni mobili all'interno dell'Unione Europea.
    • --->A chi è rivolto? Questa volta l’appuntamento interessa solo le imprese che hanno optato per il regime mensile.

  • -31 Ottobre – Comunicazione beni d’impresa concessi in godimento a soci e a famigliari

    • --->Cos'è? si tratta di una comunicazione annuale che le imprese devono fare all’Agenzia delle Entrate laddove concedano il godimento di un bene aziendale a un membro della famiglia a un socio, specificandone l’anagrafica


    • --->A chi è rivolto? Alle imprese che intendono far godere a uno dei soggetti indicati dalla normativa il godimento di un bene dell’impresa. Ci sono tuttavia, alcune eccezioni, quali i beni concessi in godimento agli amministratori o i beni concessi al socio dipendente.

  • -31 Ottobre – Comunicazione anagrafiche dei soci e dei famigliari che concedono finanziamenti alle imprese

    • --->Cos'è? Sostanzialmente il rovescio della medaglia della normativa sull’obbligo di comunicazione della concessione beni a soci e famigliari. In questo caso, l’impresa è tenuta a comunicare all’Agenzia dell’Entrate i dati anagrafici relativi a soci e famigliari che hanno concesso finanziamenti all’impresa

    • --->A chi è rivolto? Alle imprese che stanno beneficiando di un finanziamento da parte di un socio o di un famigliare dei soci. Naturalmente se questi dati sono già disponibili, per esempio se il finanziamento è regolato da un contratto con scrittura privata autenticata, tale obbligo non è in vigore.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.