Nicma Informatica
condivisione informazioni

Sharing is Caring? Il punto sulla condivisione interna delle informazioni

La successione di clamorosi attacchi informatici che ha sconvolto il mondo nel corso degli ultimi mesi ha posto le aziende di fronte alla dura realtà: oggi un attacco informatico o una sottrazione d’informazioni preziose può provenire da qualsiasi dispositivo connesso ad Internet e per poter dormire sogni tranquilli occorre conoscere con precisione che percorso fanno tutti i dati sensibili dell’azienda all’interno e all’esterno della struttura lavorativa.

Gli ultimi studi relativi al nostro paese tuttavia dipingono uno scenario in cui si tende a far veicolare i dati inerenti l’attività lavorativa in maniera del tutto disordinata e casuale, senza considerare le possibili e disastrose conseguenze di “parcheggiarle” su di un punto a rischio.

Dal punto di vista squisitamente operativo, in Italia non solo si tende a condividere le informazioni in maniera pericolosa, ma pure inefficiente. Più del 90% degli intervistati ha infatti dichiarato di usare le mail per scambiarsi documenti, con i noti rischi d’infiltrazione e phishing. Per quanto riguarda la sua naturale evoluzione nella conservazione e diffusione dei dati, il cloud storage, solo il 30% usa soluzioni pensate per aziende, mentre il 44% si ostina ad utilizzare soluzioni in cloud “generaliste” come Dropobox, nonostante i milioni di account trafugati giusto qualche mese prima proprio dai suoi archivi.

Se pensate che almeno dal punto di vista qualitativo, ossia nella preservazione di documenti realmente sensibili, ci sia una maggior consapevolezza da parte degli utenti è tempo di accettare, anche in questo caso, una realtà a dir poco inquietante. L’84% degli intervistati infatti ha ammesso d’inviare sempre via mail documenti considerati sensibili che sui server dei provider di email proprio non ci dovrebbero stare. Per il Cloud le cose non vanno affatto meglio: circa il 70% di chi è intervenuto ha dichiarato di conservare documenti sensibili per l’azienda in file di sharing personali e senza il permesso della propria azienda.

Una situazione che potrebbe rivelarsi presto un vero e proprio incubo per imprese, le quali più diventano dipendenti dal web, più rischiano di perdere il controllo sui percorsi intrapresi dai dati. Uno dei modi per poter compensare questo fenomeno è lavorare sulla cultura digitale, in grado di minimizzare l’uso di comportamenti a rischio da parte dei propri lavoratori.

Iscriviti alla newsletter





Vuoi sapere di più sui nostri servizi?

Scarica ora la nostra brochure di presentazione